Valtellina Superiore DOCG “Pietrisco” 2018 – Boffalora

, ,

Pietrisco è un vino intenso e leggero allo stesso tempo, un vino schiettamente territoriale e di sicuro impatto. Un rosso di montagna elegante, che si esprime in pieno dopo una certa permanenza nel bicchiere con una beva gioiosa.

“In bocca scorre senza tentennamenti giocando su un felice equilibrio tra un tannino fine ed elegante ed una vivace freschezza. Il finale è lungo e appagante e la sensazione minerale che prima rimaneva sullo sfondo ora è concreta e tangibile.” – Intravino

27,50

3 disponibili

Giuseppe Guglielmo ha due grandi passioni: il vino ed il miele. In attesa di proporre anche il miele, parliamo della sua attività di viticoltore, iniziata quasi per scherzo nel 2005 in aiuto al suocero e già dal 2008 insieme all’amico Siro di Terrazzi Alti.

Chi ha assaggiato il 2009, prima sua vendemmia in bottiglia, non lo ha più abbandonato: i successi ottenuti con i suoi primi filari della zona di Castione, alcuni di quasi 100 anni e pre-filossera, lo hanno convinto ad acquisire altri vigneti, che oggi si estendono su 7 parcelle intorno alla Contrada Balzarro e che arrivano oltre ai 700m di quota, con terrazzamenti tutti risistemati a mano da Giuseppe.

I suoi “nebbioli di montagna” riscuotono sempre maggiore interesse ed entusiasmano pubblico e critica. La dimensione artigianale di Boffalora la si ritrova nella succosa croccantezza dei suoi vini: sempre più difficile farsi assegnare delle bottiglie, buon segno Giuseppe!

 

Il Vino

Pietrisco si presenta al naso con la frutta rossa e nera: prugna, ciliegia, fruttini neri del sottobosco. Nota speziata di pepe nero e cannella. La bocca è connubio della freschezza e leggerezza di un vino di montagna con la materia e il calore che la vigna vecchia trasmette alla sua uva. Maggiore asciuttezza e mineralità, nelle annate più fresche lasciano spazio a note più rotonde e tannini morbidi nelle annate calde.

“Da vigne vecchie perlopiù piantate nel vigneto Boffalora. Il Pietrisco matura circa 12 mesi in botti di rovere ed affina successivamente 6 mesi in bottiglia. Granato luminoso. In questo caso le note di ciliegia diventano più marcate, accompagnate da sentori di lamponi, viole ed erbe di montagna. In bocca il liquido scorre senza tentennamenti giocando su un felice equilibrio tra un tannino fine ed elegante ed una vivace freschezza. Il finale è lungo e appagante e la sensazione minerale che prima rimaneva sullo sfondo ora è concreta e tangibile.” – Intravino

Provenienza: Italia, Lombardia, Valtellina

Denominazione: Valtellina Superiore DOCG

Vitigno: Chiavennasca (Nebbiolo) 100%

Annata: 2018

Alcol: 13,5%

Formato: 0,75 l

Affinamento: 12 mesi botte grande + 12 acciaio e bottiglia

Abbinamenti: si sposa egregiamente con ravioles della Val Varaita al burro scuro, tome stagionate, costolette d’agnello

 Allergeni: contiene solfiti

 

Peso 1 kg
Annata

2004

Colore

Rosso

Regione

Italia | Lombardia

Filosofia Produttiva

Artigianale

Allergeni

Solfiti